Blog MIP

Resident in bed

10 modi per minimizzare il rischio di infezione in una struttura a lungo termine

Posted by Default Admin User on December 17 2014

17Dec

10 – CONTROLLO ALLA FONTE (anche noto come Source Control)

Questo vuol dire che ci dovrebbero essere delle linee guida poste al punto di entrata della vostra struttura (per esempio, igiene delle mani, mettersi le mani davanti alla bocca quando si tossisce, o indossare una maschera in caso di rischio di contaminazione). Va notato che in quanto a igiene per le mani, ci sono molti prodotti senz'acqua disponibili che contengono alcol in concentrazioni inferiori al 60%. Dal momento che non ci sono prove sulla loro efficacia, questi prodotti non dovrebbero essere usati in un ambiente sanitario.

9 – SCREENING EFFICACE

Nei periodi critici dell'anno, è importante valutare la popolazione residente nella vostra struttura in modo tempestivo. I segni che dovrebbero essere cercati includono: tosse, febbre, mal di gola, dolori articolari e muscolari.

8 – TEST DI LABORATORIO

Assicuratevi di avere abbastanza provviste di laboratorio per confermare tramite analisi il tipo di infezione presente nella vostra struttura. Questo permette di avere rapide notifiche per i vostri medici e professionisti della prevenzione infettiva. Una reazione più veloce e accurata vi aiuterà ad affrontare le infezioni quando sono ancora nelle loro fasi iniziali.

7 – IMMUNIZZAZIONE

Si raccomanda soprattutto la vaccinazione contro l'influenza stagionale. Questo è ancora uno dei modi più efficienti per proteggere i pazienti, i visitatori, il personale, e voi stessi.

6 – ALLOGGIAMENTO APPROPRIATO

Idealmente, i pazienti infetti dovrebbero essere isolati. Se la vostra struttura non lo permette, questi dovrebbero essere alloggiati con altri pazienti infetti. Se anche questo non è possibile e le stanze devono essere condivise, devono essere messe delle tende divisorie tra i letti. Le stanze designate dovrebbero essere indicate da una segnaletica appropriata.

5 – ATTREZZATURA PROTETTIVA PERSONALE

Oltre alle altre misure, il personale sanitario dovrebbe indossare delle protezioni facciali * quando si trova nell'arco di due metri dai pazienti che potrebbero essere infetti. Nell'assistenza sanitaria a lungo termine, si raccomanda vivamente di indossare i guanti * quando ci si occupa dei pazienti o quando si è in contatto con aree da questi frequentemente toccate. Dovrebbe essere considerato l'uso di abiti a maniche lunghe. *

* Questi articoli dovrebbero essere eliminati prima di lasciare la stanza del paziente.

4 – ATTREZZATURE

Tutte le attrezzature usate nell'assistenza dei pazienti deve essere pulita e disinfettata prima di essere riusata per un'altro paziente. Se usate degli articoli usa e getta, questi dovrebbero essere eliminati in un bidone dei rifiuti chiaramente identificato. Durante i periodi di infezione, gli effetti personali non devono essere mai condivisi tra i pazienti.

3 – PULIZIA COMPLETA E REGOLARE DELL’AMBIENTE

Molti prodotti di disinfezione e pulizia sanitaria possono essere usati appropriatamente in molte situazioni critiche. Tutte le superfici orizzontali (pavimenti, tavoli, banconi, ecc..) e le superfici toccate di frequente devono essere pulite almeno due volte al giorno. I protocolli dovrebbero essere messi in atto quando si mette a disposizione una stanza per un nuovo paziente.

2 – PRATICHE DI LAVANDERIE

Le pratiche di lavanderia devono sempre rispettare i protocolli di lavaggi più severi. Fattori come le formule di lavaggio standard o le temperature sono stati pensati in modo da affrontare tutti i tipi di situazioni, e solo raramente devono essere modificate.

1 – POLITICA DI GESTIONE DELLE EPIDEMIE

Tutte le case di cura devono avere un piano scritto per la gestione di tutte le epidemie. Se i protocolli sono correttamente compresi, seguiti e praticati, è possibile garantire la sicurezza del vostro personale e dei vostri pazienti.

Scritto da Gabriel Boardman

Comments

Français